sabato, aprile 28

La Signora Ava di Franceso Jovine

La Signora Ava di Franceso Jovine

E’ un romanzo misto di storia e di invenzione maturato a lungo e travagliosamente nella mente dell’autore.

Una delle ragioni del travaglio è l'esigenza di liquidare la venatura romantica, per "l'esattezza e lo scrupolo della ricostruzione storica".

La favola che avvolge la vicenda è in funzione ironica, e l'ironia si esercita intorno a un preciso momento storico, centrale nella storia del Mezzogiorno: il biennio 1860-61, che vede il crollo del Regno Borbonico, l'effimero entusiasmo garibaldino, la nascita dello Stato sabaudo, l'esplosione della "diversità" meridionale e il primo tempo del brigantaggio postunitario.

In Signora Ava, è lucidamente rappresentata la stratificazione sociale propria dell'epoca c'è una borghesia agraria parassitaria, incarnata dall'usuraio don Eutichio De Risio; c'è una borghesia non ottusa e anzi sensibile a una certa giustizia sociale, aperta alle idee liberali e alle innovazioni garibaldine; c'è un basso clero inerte, conformista, ligio agli interessi clientelari della borghesia agraria; c'è una classe contadina succube, rassegnata, spremuta da intatti rapporti feudali, e Pietro Veleno ne costituisce il personaggio tipico che sa, o crede di sapere, di dover morire contadino come contadini sono stati i suoi genitori e i suoi avi; c'è qualche prete di origine contadina anche lui, povero ma a suo modo ribelle, non conformista, insofferente senza essere rivoluzionario e vittima senza rassegnazione: don Matteo Tridone (economo della parrocchia di Santa Maria di Costantinopoli di Tavenna dal 15/11/1803 al 20/06/1805).

La famiglia De Risio, intorno alla quale si muove l'intera vicenda romanzesca, non è che una metafora, ma storica, e la stessa località di Guardialfiera diventa il "punto di vista" ideale dello scrittore, da cui manovrare i propri strumenti di indagine, di ricognizione, di introspezione e di giudizio.

La trama si snoda in due tempi (le due "parti" del libro) perfettamente funzionali l'uno all'altro. Il primo riproduce il momento "statico" della realtà molisana, arroccata intorno alla famiglia De Risio e definita, quasi cristallizzata, in una struttura socio-economica di tipo ancora feudale; all'interno di essa fermentano gesti, rancori, consuetudini, insofferenze, regolati e compressi da un ordine di istituzioni e di convenzioni che quasi si identificano con una legge inamovibile di natura; si muovono, inoltre, e brulicano esistenze, o meglio brandelli di esistenze, le cui ragioni costitutive sembrano affondare in quell'ordine medesimo al di fuori del quale non hanno senso e non trovano spazio. Il secondo tempo rappresenta il momento dell'incrinatura di quella realtà, quando giungono le notizie dei grandi avvenimenti del biennio '60-'61 a scatenare diversi e spesso contrapposti stati d'animo, a mettere in moto illusioni e speranze, paure e presentimenti, a rimescolare vecchie e nuove idee, memorie antiche e recenti. E’, un'insolita, sorprendente ventata di "storia" che si insinua negli animi e li turba, perché la "storia" si decide a mettere a soqquadro la "natura". Ancora una volta, è la vicenda della famiglia De Risio a ricapitolare, a metaforizzare questo scontro fra "storia" e "natura": la disgregazione della famiglia De Risio - emblematizzata dalla fuga di Antonietta con Pietro Veleno, dalla morte del Colonnello, dall'inesorabile inebetimento del Signor zio e persino dallo squallido duplice tradimento di Don Eutichio in preda all'angoscia di una catastrofica resa dei conti - segna la spia del tramonto di un'epoca e certo la messa in moto di forze ideali, per adesso possibili da imbrogliare e deviare, in cui si innesta, sia pure col peso di tutte le ambiguità, quell'autentico fenomeno insurrezionale di massa che fu il brigantaggio.

La seconda parte è ideologicamente piú indicativa della direzione su cui continuerà a muoversi la ricerca narrativa di lovine. Piú che la prosecuzione dell'affresco della prima parte, si configura come scenario di un dramma che sa di passato e di presente: il dramma della illusione, della disperazione e persino - dal "punto di vista" di Jovine - della mancata "occasione storica".

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Moreover there have been many interactive toys that are inspired by
the Lego toys. Large sailing ships are always popular Lego sets if
sales on the secondary market are anything to go by.
The characters included are Rebel pilot Zev Sensca and three Rebel Troopers wearing cold weather clothing and Hoth helmets and they'll help you defend the hidden Rebel base on ice planet Hoth against the attack of the Empire.

my site: http://www.art-z-faces.com/

Anonimo ha detto...

Moreover there have been many interactive toys that are inspired
by the Lego toys. Large sailing ships are always popular Lego sets if sales on the secondary market are anything to go by.
The characters included are Rebel pilot Zev Sensca and three Rebel Troopers wearing cold weather clothing and Hoth helmets and they'll help you defend the hidden Rebel base on ice planet Hoth against the attack of the Empire.

Also visit my homepage :: http://www.art-z-faces.com/

Anonimo ha detto...

Your outfit does not have to be solid black or white although these two neutrals give
the most drama. Because a pearl farmer wants to create the
highest quality of pearl every time, it can be an exhausting and drawn out
process, but if you are a pearl aficionado you will certainly appreciate that it
takes time produce excellence. Men's necklaces also come in many shapes and styles.

My web blog: w3gyanguru.com