sabato, aprile 21

Poesia

TAVENNA

Tavenna dal suo colle sta a guardare
i monti dell’Abruzzo da ponente, 
verso levante il verde azzurro mare, 
la valle al fiume Trigno e il torrente. 

Lo stemma porta un’olmo e cinque stelle. 
Abbonda l’olio, il vino e il frumento 
ed il prosciutto e frutta così belle. 
Armenti e greggi in grande allevamento. 

Dalla Dalmazia vennero le genti, 
Montelateglia lor zona abitaro, 
quindi a Tavenna vennero fidenti, 
la chiesa parrocchial poi fabbricaro.

San Giorgio è il suo celeste protettore:
il santo sul cavallo è figurato. 
Ai ventitrè d’april con grande onore 
in procession in trionfo vien portato.
 
Del campanil si eleva al ciel la torre, 
si sale al tempio per la gradinata. 
Le donne bei merletti san comporre. 
Vi è pur la chiesa dell’Incoronata. 

E San Nicola ha la sua cappella. 
Sulla collina di Montelateglia 
la Vergin Maria è una stella:
la Mamma attorno ai figli sempre veglia.

Adelelmo Fagnani

Nessun commento: