lunedì, luglio 19

Dialetto tavennese - Alcune espressioni

Tavenna fa parte dell'antica regione Frentania, che si estendeva dal fiume Foro al fiume Fortore, includendo gran parte del territorio dell’attuale provincia di Chieti, fino alla catena delle montagne della Maiella, e una metà del territorio dell’attuale Molise. 

Il dialetto tavennese fa parte della famiglia del dialetto abruzzo-frentano-adriatico.

Alcune espressioni di vita quotidiana che usavano i tavennesi tanti anni fa: 

  • Nen pò manche squaccià’ l'ove nche la mazzacocche (non può neanche squacciare l’uovo con la mazza, cioè è molto povero).
  • A la case de lu scarpare ce stanne le scarpe rutte - pronuncia: a la cas’ de lu scarpar’ ce stann’ le scarp’ rutt’ (alla casa del calzolaio ci stanno le scarpe rotte).
  • Chi té li dinte nen té lu pane, chi té lu pane nen té li dinte - pronuncia: chi té li dint’ nen té lu pan’, chi té lu pane nen té li dint’ (chi ha i denti non ha il pane, chi ha il pane non ha i denti).
  • Freghete cumpà! (complimenti, compare - ironia).
  • Fa’ lu fesse pe’ nen jì’ a la uerre (fa finta di non capire per non prendere posizione).
  • Te pozz’annom’accide! (che ti possano uccidere!).

E tante, tante altre... 

Un esempio divertente dell'attuale dialetto abruzzo-frentano-adriatico:

Nessun commento: